Back

Espositore al Salone del Libro di Torino 2024: una guida alla mia partecipazione

Tornato dal Salone Internazionale del Libro di Torino, voglio riassumere brevemente qual è stato l’andamento della mia presenza, il senso generale che hanno avuto le giornate attraverso gli incontri che ho seguito, mentre i miei due romanzi, L’isola dei morti e L’incubo dietro la porta, affrontavano il loro percorso nell’Area Self del Padiglione 2.

Giovedì 9 maggio: la ricerca della propria voce narrativa

Il Salone del Libro di Torino ha aperto i battenti un giovedì mattina pieno, da parte mia, di aspettative e curiosità. Per me, come per molti altri autori e appassionati, la giornata si è concentrata sulla ricerca necessaria a poter definire sempre più la propria voce unica nel vasto mare della letteratura. Gli incontri a cui ho partecipato mi hanno permesso di esplorare diverse tecniche per scavare a fondo nella mia personalità e nelle mie esperienze, trasformandole in narrazioni coinvolgenti e autentiche. In questo video sul canale YouTube trovi un breve riassunto di quanto ho seguito personalmente.

Uno degli aspetti più interessanti è stato di certo l’incontro su “Editoria e Digital Marketing”, dove esperti del settore hanno discusso su come la voce di uno scrittore possa arrivare ai lettori attraverso i nuovi mezzi che il mondo digitale mette a disposizione della filiera editoriale. Un concetto fondamentale anche nei miei corsi di scrittura presso Albero del Mistero, dove incoraggio gli scrittori a sperimentare e adattarsi, pur mantenendo un nucleo autentico che li caratterizza.

Venerdì 10 maggio: dialoghi con maestri della scrittura e la frontiera dell’IA

Il venerdì al Salone del Libro è stato un coup d’immagination di incontri intellettuali e discussioni su temi all’avanguardia. La possibilità di ascoltare da vicino scrittori del calibro di Bruce Sterling e Don Winslow ha arricchito notevolmente la mia comprensione delle diverse filosofie narrative. Ogni intervento è stato un tassello aggiunto alla mia visione del mondo letterario. In particolare, l’uso dell’intelligenza artificiale nella scrittura è stato un tema ricorrente, così come l’opposizione di molti intellettuali (anzi: la strenua lotta) a Donald Trump e alla sua possibile rielezione. Durante più di un panel dedicato, abbiamo esplorato come l’IA stia diventando uno strumento sempre più utile per gli scrittori, non solo per la correzione di bozze ma anche come aiuto nella costruzione delle trame e nella caratterizzazione. Questo argomento è tanto rilevante che ho deciso di integrarlo nei moduli avanzati dei miei corsi, offrendo agli scrittori le competenze per utilizzare queste tecnologie emergenti. In questo video puoi ascoltare un sunto della giornata.

Scoprilo subito!

Sabato 11 maggio: immersione nel mestiere dello scrittore

Sabato è stata la giornata più intensa e forse la più significativa per me. Gli incontri hanno coperto tutto, dalla gestione della carriera letteraria alla profonda comprensione delle dinamiche editoriali. Ho partecipato a sessioni che hanno trattato dell’approccio mentale per gli scrittori, un tema cruciale che affronto anche nei miei seminari di Albero del Mistero, dove aiuto gli scrittori a navigare gli aspetti pratici della professione.

La sessione più impattante è forse stata “Perché scrivere e fare libri è un mestiere”, dove un’esperta del settore (così come già in altri panel autori affermatisi tramite il self) ha condiviso le sue strategie per mantenere una carriera duratura e soddisfacente e per vivere la scrittura secondo la categoria del mestiere: un artigianato vero e proprio, che la rende un’arte di cui non si può mai fare a meno. Ho portato a casa numerosi spunti su come migliorare la struttura dei corsi che propongo, enfatizzando la realtà del lavoro dello scrittore oltre la sola passione. Ecco il mio riassunto di questo giorno di incontri importanti.

Domenica 12 maggio: le opportunità del Self-Publishing

Ho dedicato l’ultima giornata del Salone a esplorare il mondo del self-publishing. Questo approccio alla pubblicazione offre agli autori un controllo senza precedenti sui propri lavori e una maggiore parte dei profitti, un argomento che ho trattato ampiamente nel corso “Sogna” per gli autori di Albero del Mistero. Le sessioni hanno fornito numerosi suggerimenti sulle strategie promozionali più efficaci e su come ottimizzare la visibilità dei libri in un mercato affollato.

La possibilità di incontrare autori che hanno trovato successo attraverso l’auto-pubblicazione ha aggiunto una dimensione pratica e ispiratrice alla teoria, dimostrando che con le giuste conoscenze e strumenti, il successo è accessibile a chiunque. L’importante è sapere dove guardare e capire come organizzarsi al meglio. Qui trovi un maggior approfondimento su questa giornata.

Riflessioni finali

Concludendo la mia esperienza al Salone del Libro di Torino, posso affermare con certezza che è stata un’esperienza molto formativa e ispiratrice. Ogni giornata ha offerto nuove conoscenze e spunti che si rifletteranno nei contenuti del canale YouTube di Albero del Mistero e nei corsi che continuerò a sviluppare e offrire. La mia visione per Albero del Mistero è stata rafforzata e arricchita, e sono ansioso di trasmettere tutto ciò che ho appreso a chi, come me, è appassionato di letteratura e aspira a farne la propria vita.

Questo mi sembra un ottimo motivo per fare parte della comunità di Albero del Mistero!

Leave A Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *